Dott. Stefano Scoglio sul Coronavirus

Dato che il SARS-CoV 2 è stato accusato di causare sintomi respiratori molto gravi e unici (il Covid-19), qualcuno può fornirmi lo studio che lo dimostra? Sono sicuro che abbiate familiarità con i 4 postulati di Koch, che sono il fondamento di ogni ricerca microbiologica.

Quindi, dov’è lo studio in cui hanno isolato il virus; l’hanno messo in una cultura; l’hanno iniettato come virus purificato in un animale; hanno registrato sia i sintomi che il virus dovrebbe causare, sia la sua significativa proliferazione nell’ospite.

Questo è l‘unico tipo di studio che può provare la causalità in rapporto ad una malattia da parte di qualsiasi organismo ( il virus ovviamente non può nemmeno essere definito come un organismo, ma le regole sono valide anche per i virus).

Ho cercato molto un tale studio, ma non sono stato in grado di trovarlo. È certamente dovuto ai miei limiti, quindi sarò felice di essere illuminato da chiunque possa farlo (dubito che qualcuno lo farà, però).

C’è l’ulteriore problema dell’identificazione e del rilevamento del virus. Al GISAID, l’istituto genomico internazionale, ci sono diverse e differenti sequenze di genoma della SARS-Cov-2, il che fa pensare che stiamo parlando di virus diversi; o che non sanno davvero di cosa stanno parlando.

Per quanto riguarda il rilevamento del virus, vari studi dimostrano che il test RT-PCR utilizzato per SARS-CoV2 (o dovrei dire i diversi metodi PCR utilizzati in diversi paesi), fornisce circa l’80% di falsi positivi, cioè sono totalmente inaffidabili.

Io stesso ho analizzato lo studio di base che fissa gli standard per il rilevamento SARS-Cov-2 (Corman VM, Drosten C. et al. 2020. Detection of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR. Euro Surveill 25 . doi: 10.2807 / 1560 7917.ES.2020.25.3.2000045), e ho scoperto che gli stessi autori ammettono implicitamente che il loro test ha circa il 70% di probabilità di successo; mentre un’analisi più approfondita, che non posso sviluppare qui, mostra che in effetti il ​​grado di probabilità di rilevamento reale è molto più basso.

Non sembra essere un terreno molto solido per procedere alla chiusura dell’economia mondiale!

Poi c’è il problema dell’infettività o della contagiosità: come è possibile che un virus dalla Cina, che si dice sia il più contagioso della storia, salti dalla Cina, aggirando interi continenti, e finisca in due piccole città italiane , Bergamo e Brescia? E poi, come è possibile che da Bergamo e Brescia il virus super contagioso non abbia infettato massicciamente Milano?

A Bergamo e Brescia vi furono 800 morti attribuiti a Covid-19 prima che l’Italia procedesse al lockdown; nelle 3 settimane dall’inizio della presunta infezione al blocco, come è possibile che Milano, una città di 5 milioni di persone, che è praticamente unita a Bergamo da una serie di città che collegano le due città vicine, dopo un mese dall’infezione, invece delle decine di migliaia di infetti e delle migliaia di morti che ci si poteva aspettare, aveva solo 1.000 infetti e nemmeno 100 morti?

Quindi, questo virus è così intelligente da essere contagioso quando vuole e non contagioso quando non vuole (il che a proposito solleva le domande più fondamentali: come può un pezzo di RNA coperto da una proteina, cioè una molecola, volere qualcosa? Si continua a trattare i virus come se fossero vivi, ma non lo sono, sono solo composti molecolari).

E diamo un’occhiata all’epidemiologia. Alcune persone affermano che c’è stata una grande ondata di morti in tutto il mondo? Dove? L’unico luogo in cui vi sono morti apparentemente al di sopra della media sono ancora le due province di Bergamo e Brescia, dove circa i 2/3 di tutte le morti italiane sono avvenute.

Il che pone ancora una volta la domanda sul perché un virus così pericoloso e super-contagioso colpisca solo quelle due province (alcuni critici sostengono che è perché quelle due province furono effettivamente oggetto di una massiccia campagna di vaccinazione, che ha somministrato 185.000 vaccini antinfluenzali e più di 35.000 vaccini per meningococco, allo stesso tempo durante il mese di dicembre 2019 – ma non apriamo ora questa discussione).

Ad ogni modo, le morti totali attribuite al corona virus in Italia, dopo due mesi, erano poco più di 7.500. Ora, erano sicuramente dovuti al corona virus? Beh, data l’inaffidabilità del test, è difficile dirlo, no?

Tuttavia, l’Istituto Superiore di Sanità, l’organo scientifico ufficiale del governo italiano, ha esaminato cartelle cliniche di 2003 persone dichiarate morte per coronavirus e ha concluso che solo 24 potevano essere considerate con certezza uccise dal virus corona, essendo tutti gli altri di un’età media di 81 anni e con 2 o 3 o più patologie letali (come il cancro, il diabete in stadio avanzato e le malattie cardiovascolari).

Se applichiamo lo stesso standard alle 9.000 persone che si dice siano morte finora per il corona virus in Italia, ciò darebbe un totale di 108 persone morte per il corona virus, una cifra quasi insignificante rispetto alle 1800 persone che muoiono in Italia ogni giorno. Ma sono sicuro che ora l’ISS, considerato uno dei principali organi scientifici al mondo, è e sarà ignorato come l’ultimo dei ciarlatani …

In ogni caso, anche se decidessimo di attribuire a SARS-Cov-2 tutte le 9.000 persone con un’età media di 79,5 anni e con almeno 1 (24%), 2 (25%) o 3 (49,8%) patologie letali, 9.000 morti in due mesi fanno circa 4.500 morti al mese; anche se non sarebbe giusto moltiplicare quel numero per 12, poiché in inverno ovviamente ci sono più persone che muoiono per problemi respiratori, se tuttavia lo moltiplichiamo per 12, otteniamo 54.000 persone morte per problemi respiratori causati dal corona virus.

Negli ultimi anni in Italia il numero di persone che sono morte per patologie respiratorie è sempre stato 53-55.000, esattamente lo stesso. Questi sono i numeri disponibili sul sito dell’ISTAT, l’ente statistico nazionale. Stiamo semplicemente chiamando gli stessi problemi respiratori di cui le persone muoiono quest’anno, con un altro nome?

Stiamo ossessivamente prestando attenzione a un numero di morti assolutamente normale come una catastrofe senza precedenti solo perché le morti respiratorie sono messe sulla prima pagina di tutti i media 24/7? I numeri reali sembrano dirlo.

So di essere stato a lungo, e mi scuso, ma i miei dubbi sono molti e chiedo di essere illuminato, ma sospetto ancora che il mainstream adotterà la solita tattica contro le domande scomode: ignorarle!

Fonte